Appartamenti Gioia - Appartamenti in affitto a Bucarest-  Per vacanze o lavoro, la comoditÓ Ŕ assicurata

 

 

 
Vlad l'impalatore  Dracula  storia di dracula
 
 
 

La leggenda di Dracula

Intorno al XV° secolo dove diversi principi, cavalieri, voivodi, difendevano le terre contro l’avanzata dell’Impero Ottomano.
Vlad III Dracula (1431-1476), conosciuto anche come Vlad Ţepeş o Vlad l'Impalatore, nacque in Transilvania a Sighişoara come figlio di Vlad Dracul.

L’origine del nome Dracula, risale al tempo in cui Vlad Dracul venne nominato difensore dell'Ordine dei Dragoni dal re degli Ungheresi. Tutti i membri di questo ordine avevano raffigurato, sui loro vestiti , un dragone e da qui deriva quindi il nomignolo di Dracul (Diavolo). Vlad III fu Principe di Valacchia nel 1448, lottò eroicamente contro i turchi di Maometto II° ed anche con molta crudeltà, facendo impalare gli ambasciatori che erano andati per intimargli la resa di Tirgoviste e tutti i soldati turchi presi prigionieri.

Come pure questi suoi atti crudeli culminarono con la più sanguinosa incursione punitiva in Transilvania del 24 agosto 1460 ad Amlas dove si dice furono impalati 20.000 fra nobili e cittadini infedeli. Questo suo modo originale di uccidere (cioè impalando), la sua inestinguibile sete di sangue, insieme al folclore ed ad altri fattori, rendono leggenda la storia moderna di Dracula. Nel 1475 Vlad fu ucciso in circostanze misteriose ed il suo corpo sepolto di fronte all'altare del monastero di Snagov, su di un'isola vicino Bucarest.  

Fra la leggenda e la realtà
Lo scrittore irlandese Bram Stoker, ebbe  sicuramente il merito con la pubblicazione del suo libro su Dracula che pubblicò nel 1897, di aver creato un personaggio incredibile, facendogli raggiungere un ineguagliabile popolarità, mescolando qualche verità storica a racconti fantasiosi, e rese Vlad  il vampiro Dracula famoso in tutto il mondo.

Intervista a Ramona Badescu ...

Il principe Vlad Tepes rappresenta quello che per voi in Italia ha rappresentato Garibaldi. Noi l'abbiamo studiato a scuola e per noi è un condottiero che ha salvato il paese dai turchi. Invece Bram Stoker gli ha dato un'altra immagine, un'identità poetica, quella del vampiro, della sanguisuga. Questa leggenda nasce perché, quando il principe ammazzava i turchi, li impalava, con un metodo che ha imparato dagli stessi turchi. Li impalava così bene che non morivano subito, e mentre sgocciolavano molto sangue lui faceva tranquillamente colazione davanti a loro.
A ciò diedero una valenza metaforica, come se Vlad Tepes prendesse il loro sangue. La cosa che non si sa è che Vlad Tepes aveva una cugina ancora più spietata di lui che faceva il bagno nel sangue delle giovani vergini... non si è mai parlato molto di questa storia.

…..La Transilvania è senza dubbio la più romantica provincia romena,... Brasov è una città molto bella, piena di folclore, piena di turismo dovuto appunto alla leggenda del vampiro. L'inverno è particolare, si può sciare, ma sarebbe un vero peccato non visitare i monasteri. Nel monastero di Volonez c'è un colore chiamato appunto il blu di Volonez che è unico al mondo". Partendo da Brasov è possibile fare delle escursioni al Castello di Bran, conosciuto dal mondo intero come la residenza del principe Vlad Tepes, che è stato la fonte d'ispirazione della leggenda di Dracula.

Le vallate e le montagne della Transilvania con il loro aspetto selvaggio e accogliente sono la terra ideale per vivere in pieno relax divertendosi. Ovunque potrete scoprire delle tradizioni rurali sempre presenti nella vita quotidiana. Non è raro incontrare pastori che vendono formaggio ai bordi della strada. Le porte delle case sono ornate di strane e particolari sculture.

 .… e noi siamo molto vicini ai napoletani. Da noi con poco la vita va avanti, nonostante ci siano problemi d'esistenza, per mangiare e per badare ai figli. Le donne che lavorano non sono così curate come in Italia, non hanno i vestiti firmati, non si vedono in giro macchine di grossa cilindrata, però restiamo un popolo molto ottimista, quindi ci si diverte. D'altronde la vita va vissuta in modo allegro, anche perché ad essere cupi non si risolve niente. 

 

Appartamenti Gioia - BUCAREST - Tel. +40 740188745 (Romania) - Tel. +39 348 0337475 (Italia) 


Le informazioni pubblicate su questo sito web sono coperte da licenza Creative Commons.
Prima di qualsiasi utilizzazione, leggi le informazioni presenti in
questa pagina.
 

 
Appartamenti Bucarest - info@appartamentibucarest.it | Alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons